Tag Archivio per: Sinistri

Il Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada, FGVS, è stato istituito affinché, qualora non sia possibile attivare una procedura tradizionale tra assicurazioni a seguito di un incidente stradale o tra natanti, chi ha subito un danno possa comunque ottenere un risarcimento. In particolare si pensi ad incidenti stradali causati da veicoli non identificati o non assicurati, posti in circolazione contro la volontà del proprietario o ancora assicurati da imprese poste in liquidazione coatta, per i quali in mancanza di tale Istituto non ci sarebbe la possibilità di ottenere un risarcimento.

Il Fondo è gestito dalla CONSAP, Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici S.p.A., azienda di diritto privato totalmente partecipata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e sottoposta al controllo contabile della Corte dei Conti; è attivo dal 12 giugno 1971 ed è approvvigionato dalle imprese assicuratrici designate ogni tre anni dall’IVASS, l’Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni. L’impresa di assicurazione nominata dovrà quindi gestire nell’arco del triennio i risarcimenti dei sinistri verificati all’interno della propria competenza territoriale, individuata su base regionale o su gruppi di Regioni.

Come sopra anticipato tale tipo di indennizzo è attivabile, in via generale, quando non vengono rispettati i requisiti per avviare la tradizionale procedura del risarcimento tra le assicurazioni prevista in caso di sinistro.

Nel caso in cui non sia possibile attivare la procedura tradizionale pertanto sarà possibile attivare la procedura per ottenere il risarcimento tramite questo Fondo. In tali situazioni l’assistenza di un Avvocato potrà velocizzare la gestione delle varie pratiche e, a fronte dell’esperienza maturata in materia, saprà evidenziare gli aspetti maggiormente rilevanti per il caso sottoposto così da ricevere un congruo risarcimento senza inutili attese.

Per maggiori informazioni prenda contatto con lo Studio.

La giurisprudenza di merito è ritornata ad analizzare lo spinoso caso degli incidenti stradali che si verificano in presenza di precarie condizioni di sicurezza del manto stradale.

Nel caso di specie una recente pronuncia dell’autorità giudiziaria del Foro di Cuneo ha affrontato la dinamica di un incidente stradale che ha visto quale protagonista un motociclista che ha perso il controllo del proprio veicolo in conseguenza di una buca di notevoli dimensioni, sita in prossimità di una curva, nonché della presenza di una notevole quantità di ghiaia sulla carreggiata.

Come è noto, per affrontare le curve con veicoli a due ruote, siano essi motocicli ovvero biciclette, è necessario piegare la verticale del mezzo: nel caso affrontato è stato accertato che in presenza di un sedime stradale ordinario e non gravemente deteriorato l’incidente non si sarebbe verificato. A ciò si aggiunga tra l’altro che nel caso in questione l’Ente non si era nemmeno premurato di segnalare la presenza di buche nonché di ghiaia sulla carreggiata

In ogni caso la giurisprudenza ritiene che l’Ente non sia liberato dalla semplice apposizione di cartelli di segnalazione quando  il pericolo in questione sia da considerare di rilevanza che eccede l’ordinario, quali ad esempio una voragine, sassi di notevoli dimensioni sulla carreggiata o comunque la presenza di insidie imprevedibili.

La responsabilità in questione ricade in prima battuta sull’Ente gestore di quel tratto di strada il quale potrà, nel caso vi siano i presupposti, liberarsi qualora dimostri che il fatto è derivato da responsabilità altrui. In alcuni casi, infatti, l’Ente si è liberato dalla propria responsabilità dimostrando che la situazione di pericolo si era verificata a fronte del comportamento di un soggetto terzo, incaricato di eseguire lavori su quel tratto di strada, che non si era attenuto alle disposizioni volte al ripristino delle condizioni pregresse, impartite per tutelare la circolazione stradale in sicurezza.

Una volta accertato il soggetto responsabile sarà quindi possibile avanzare correttamente una richiesta di risarcimento per tutti i danni derivanti dall’incidente, sia per eventuali lesioni che per i danni materiali. A tal proposito il nostro Studio si avvale della consulenza di molteplici periti che si occupano della ricostruzione delle dinamiche dei sinistri stradali nonché di medici legali che valutano la presenza di postumi permanenti alla persona e formulano una corretta quantificazione da sottoporre alla Compagnia di assicurazione.

Per maggiori informazioni prenda contatto con lo Studio.

Il risarcimento dei danni derivante da circolazione stradale o di natanti è disciplinato dal Codice delle Assicurazioni Private, introdotto con il D.Lgs. 7 settembre 2005 n. 209. In particolare gli articoli 148 e 149 del Codice prevedono due distinte procedure che variano a seconda delle modalità in cui si è verificato il sinistro nonché per il numero di veicoli coinvolti.

Quando dall’incidente derivano delle lesioni personali ma non si riesce ad identificare il veicolo dell’autore del sinistro, ad esempio a causa della fuga dal luogo in cui si è verificato l’evento, c’è la possibilità di attivare una particolare procedura per il risarcimento tramite l’attivazione del Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada. Tuttavia, quando non ci sono danni alle persone ma solamente alle cose, come ad esempio al solo veicolo, non è possibile usufruire della copertura speciale del Fondo.

Mentre si percorre con un veicolo l’autostrada non è infrequente che si vedano residui di copertone di altri autoveicoli sulla carreggiata: questi detriti, se impattati ad alta velocità, possono danneggiare anche gravemente il mezzo che si sta conducendo e compromettere alcune parti della carrozzeria o dei paraurti. In tale ipotesi, secondo le regole ordinarie per avanzare la richiesta di risarcimento sopra riportate, non sarebbe astrattamente possibile ottenere alcun risarcimento per i danni subiti.

Tuttavia in alcuni casi e in presenza di determinati presupposti c’è comunque la possibilità di rivolgere direttamente all’Ente gestore dell’autostrada in questione il risarcimento dei danni. In altri casi, proprio con la collaborazione dell’Ente gestore nonché delle forze dell’ordine, c’è addirittura la possibilità di risalire ai dati del veicolo dal quale sono stati persi i detriti dello pneumatico e rivolgere la richiesta di risarcimento direttamente alla Compagnia di assicurazioni di quel mezzo.

Gli Avvocati del nostro Studio assistono costantemente automobilisti che hanno subito incidenti stradali. Con l’esperienza maturata nel corso degli anni riusciamo a istruire velocemente le pratiche per ottenere il risarcimento dei danni, ottenendo in poco tempo tutta la documentazione amministrativa da parte degli Enti competenti. Inoltre, con l’assistenza dei nostri periti di fiducia, riusciamo a ricostruire la dinamica di ogni incidente riuscendo ad ottenere con con alta probabilità il risarcimento del danno subito.

Per maggiori informazioni prenda contatto con lo Studio.